Il mare più bello della Sicilia: alla scoperta delle Isole Pelagie

Uno sguardo sull'’arcipelago delle Pelagie (dal greco isole d’alto mare), sito all’estremo sud della Sicilia, composto da tre isole: la bianca Lampedusa, la nera Linosa e lo sperduto isolotto di Lampione

0
1162


*L’arcipelago delle Pelagie (dal greco isole d’alto mare), sito all’estremo sud della Sicilia, è composto da tre isole: la bianca Lampedusa, la nera Linosa e lo sperduto isolotto di Lampione.

Vicinissime alle coste tunisine ospitano al loro interno il mescolarsi di due differenti culture: quella europea e quella africana.

Nel cuore del mar mediterraneo sono la meta più ambita per chi ama trascorrere le proprie vacanze al mare.

panorama-isola-di-lampedusa-isole-pelagie

L'Isola di LampedusaL’Isola di Lampedusa

La bianca isola di Lampedusa è la maggiore dell’arcipelago delle Pelagie ed è molto più vicina alle coste tunisine che non a quelle siciliane. La vicinanza al continente africano dona all’isola una fauna e una flora tipicamente tropicale. Non è difficile, infatti, imbattersi in paesaggi desertici con poche palme e trovare nei fondali pesci rari come il pesce pappagallo e il pesce balestra.

L’essenzialità del paesaggio è compensata dalla bellezza delle acque cristalline.

 

L'Isola di LinosaL’Isola di Linosa

L’isola nera di Linosa prende questa denominazione dalla sua origine vulcanica.
Tre sono i crateri: Monte Rosso, Monte Nero e Monte Vulcano.
Il paesaggio si presenta vario ed eterogeneo: coste basse, una sola spiaggia (la spiaggia dei conigli), pianori interni e molti tratti al di sotto del livello del mare.
Una piccola isola che mostra stupendi paesaggi mediterranei circondati da uno splendido mare.

Particolarità dell’isola sono i colori vivacissimi delle case e degli infissi.

L'Isola di LampioneL’Isola di Lampione

L’isola di Lampione fa parte del comune di Lampedusa – Linosa ed è la più piccola dell’arcipelago delle Egadi. Ha sempre seguito le vicissitudini delle due isole più grandi ed oggi è disabitata. L’unico segno lasciato dall’uomo è la presenza di un faroautomatico dal quale prende il nome.

Fa parte della Riserva marina Isole Pelagie. Le sue acque sono popolate da squali (in particolare lo squalo grigio, lo squalo toro oltre a numerose altre specie di pesci rari).

 

*Foto e testi sono tratti dal sito www.esplorasicilia.com



NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × tre =