“Orto in arte”, sfilano tra gli alberi gli abiti di Bucca con le coreografie di Mattioli

Una performance artistica e musicale con una sfilata di moda ha contrassegnato l’happening intitolato “La creatività della moda interprete della bellezza del Corpo e dell’Anima”

0
3


Una sfilata speciale fra arte, musica e moda, ieri sera, domenica 27 maggio, a “Orto In Arte”, il festival internazionale in corso all’Orto Botanico di Palermo (26 maggio / 2 giugno).

Una performance artistica e musicale con una sfilata di moda ha contrassegnato l’happening intitolato “La creatività della moda interprete della bellezza del Corpo e dell’Anima” di Cettina Bucca “Italian Emotional Couture” per la coreografia di Raffaella Mattioli con la partecipazione di Ricchezza Falcone “Flowers in the Sky Collection”. La sfilata è stata accompagnata dalle note del musicista e compositore Cino-Statunitense Yukio Tsuji, con i ritmi e le percussioni dal Cameroun di Paco Mbassi.

L’eclettica stilista siciliana Cettina Bucca è stata la protagonista della serata, con una performance danzante per far sfilate le sue creazioni. La creatività della moda come inno della bellezza del Corpo e dell’Anima. Cettina Bucca trae dalla sua amata Sicilia i colori definiti, forti come la luce del sole e infiniti come il mare che si tramutano poi in un gioco lieve di nuance e contrasti, dove piante e fiori dei campi primaverili siciliani diventano materia viva per stampe e texture.

Sartoriali tutti i suoi capi che esaltano la percezione delle forme, le sensazioni tattili, il movimento impalpabile del corpo e che prendono spunto dalla filosofia steineriana dove tutto si esprime attraverso il colore veicolato dall’acqua. Il tutto, accompagnato dalle suggestive coreografie di Raffaella Mattioli, che hanno reso una perfetta simbiosi fra abiti, natura e corpi in movimento.

Il festival, ideato e diretto da Margarida Tavares con la collaborazione di Carmelo Samonà e contributi per l’ideazione e consulenza artistica di Lara Pedilarco, è organizzato da “Rinascita 18 Società Benefit, in collaborazione con Il SiMuA, Sistema Museale d’Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo, nell’ambito di “Palermo capitale italiana della cultura 2018”.



NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quindici + 18 =